La destra ha vinto, ma grazie a temi di sinistra

Matteo_Salvini_-_Cena_di_gala_30°_anniversario_Lega_Nord_Bergamo

Il risultato elettorale del 4 marzo è chiarissimo: le forze populiste ed antieuropeiste hanno vinto, con il Movimento 5 Stelle che si afferma come primo partito e la Lega di Salvini che diventa la forza trainante il centrodestra italiano. Contestualmente, crolla il Partito Democratico a guida renziana, sancendo un fallimento (per molti preannunciato) iniziato già il 4 dicembre del 2016.

Ciò è bastato ad alcuni per concludere che la destra ha vinto perché, in fondo, nel paese c’è aria di destra. Il crollo del PD e il non sfondamento di Liberi e Uguali sarebbe dunque da attribuire al fatto che  non c’è una domanda di sinistra in Italia, indipendentemente dalla qualità e della vastità dell’offerta elettorale. È questa, ad esempio, la tesi di Enrico Sola su Il Post.

Questa lettura, oltre che autoassolutoria (perdiamo perché antropologicamente diversi, non perché abbiamo sbagliato o non abbiamo convinto), non tiene conto della narrazione e dei temi avanzati incampagna elettorale dalle forze populiste.

Accanto a temi tradizionalmente di destra, come il rifiuto dell’immigrazione e la sovranità nazionale in senso nazionalista, la Lega ha insistito molto sull’abolizione della Riforma Fornero, intesa come ciò che ha precarizzato il lavoro e l’esistenza dei giovani italiani. Ovviamente, le cose sono un po’ più complesse: il precariato esisteva ben prima della Fornero, e la riforma non era nemmeno del governo Renzi. Ma a livello narrativo Renzi è apparso agli elettori Lega come colui da incolpare per il precariato. In maniera similare, da anni il M5S ha fatto del reddito di cittadinanza il suo cavallo di battaglia. Al di là della validità e fattibilità effettiva della proposta, con la narrazione di uno Stato assente, che abbandona giovani e disoccupati, i cinque stelle sono riusciti a fare incetta di voti soprattutto al sud. Infine l’antieuropeismo, se nel caso della Lega fa capo ad un nuovo nazionalismo, nel caso dei cinque stelle riposa sulla perdita del potere d’acquisto del ceto medio, ingiustamente attribuita all’euro. Ma combattere le regole europee ha, in questo senso, la funzione di poter fare spesa pubblica (e qui torniamo al reddito di cittadinanza).

Rifiuto del precariato, richiesta di un reddito e possibilità di fare spesa pubblica: sono, questi, tutti temi tradizionalmente portati avanti dalla sinistra. “Lavoro stabile”, “reddito” e “welfare” sono parole chiave in qualunque programma di sinistra, eppure da qualche anno sono appannaggio della destra.
Ovviamente sono declinati in chiave populista (il reddito di cittadinanza non produce davvero un miglioramento delle condizioni di vita, la spesa pubblica non per forza migliora i servizi di welfare, il posto fisso non è l’unico modo per avere un lavoro stabile e dignitoso), ma sono temi che fanno presa tradizionalmente su un elettorato progressista. Non a caso infatti negli scorsi anni il M5S ha tolto voti anche al PD, e l’ultimo risultato elettorale lo dimostra chiaramente.

La crisi del PD si inscrive pienamente nel tracollo dei partiti socialdemocratici europei; ma proprio questo tracollo non sembra verificarsi nei partiti socialisti che hanno ripreso temi tradizionali, vedasi il PS portoghese di Antonio Costa. Siamo quindi davvero sicuri che non ci sia bisogno di sinistra? O non è più probabile, invece, che le categorie che guardavano a sinistra, preso atto di una svolta interna alla sinistra da cui non si sentivano più tutelati, abbiano cercato le stesse rassicurazioni, ma in partiti diversi?

Vota i nostri posts